Questo è uno spazio in cui raccoglierò una parte del mio mondo, quello dedicato alla mia passione per la cucina, in generale.
Sarà sempre in divenire perchè sono sempre alla ricerca della variante, del meglio... di altro.

Luisa

sabato 11 luglio 2015

Strozzapreti col nodo

Qualche giorno fa ho scoperto per caso gironzolando on line che Maria Pia Timo ha pubblicato un libro che racconta storie e ricette della sua esperienza per Alice Tv con il programma LA VESPA TERESA.

La Vespa Teresa: Ricette e storie di donne di Romagna. LT Editore srl

Quando fu trasmesso su Sky io seguii quasi tutte le puntate e rimasi affascinata dalle storie e dalla ricette della tradizione romagnola.
Solo qualche tempo dopo ho scoperto che Maria Pia Timo abita a Faenza, in uno dei mie passaggi veloci mi ci sono quasi scontrata uscendo dalla Piazza mentre lei sfrecciava in bicicletta.

Il libro non vuole essere niente di più della trasposizione su carta del lavoro fatto per la tv ma nel mio caso è davvero sentimentalmente coinvolgente perchè nelle piccole storie che precedono ciascuna ricetta , sento la voce di mia nonna Luigia, della mia tata Teresa e di mia mamma Gemma che mi raccontano fatti simili quando ero piccola: queste erano le favole vere della mia infanzia.

Prima di questa trasmissione/pubblicazione non avevo mai sentito parlare degli strozzapreti col nodo. Essendo gli strozzapreti una delle mie paste preferite non potevo non provare subito questa ricetta (leggermente diversa dall'impasto tradizionale) con il suo sugo raccontato e preparato dalla Maria di Granarolo.

Trascrivo gli ingredienti pubblicati e di seguito le mie variazioni e/o precisazioni 
Gli ingredienti tra parentesi sono citati nella ricetta ma non tra gli ingredienti stampati.

INGREDIENTI
2 persone

per gli strozzapreti

200g farina
1 uovo
(acqua tiepida)
sale

per il sugo

cipolla rossa
cipolla bianca
scalogno
(pancetta)
(olio)
peperoni (rossi e gialli)
salsiccia spellata
salsa pomodoro
panna
(sale)

°°°°°°

INGREDIENTI LUVI
3-4 persone

per gli strozzapreti

250g farina 0
1 uovo grande + acqua tiepida = 125g di parte liquida totale
sale

per il sugo

1/4 cipolla rossa
1/4 cipolla bianca
1/2 scalogno
1 piccolo pezzetto di prosciutto
olio
1/3 peperone rosso
1 e 1/2 salsiccia spellata
400g salsa pomodoro (o pelati col loro sugo)
1 cucchiaio abbondante panna
niente sale perché è tutto già molto saporito

PROCEDIMENTO


Mettetevi per tempo a preparare il sugo perché dovrà cuocere a fiamma bassa per un'ora e mezzo.
Sciogliete un po' di prosciutto (grasso) tritato in un po' d'olio. Aggiungete le cipolle e lo scalogno tritato. Sbriciolate nel tegame anche la salsiccia rotta a pezzettini aiutandovi con una forchetta o un cucchiaio di legno.
Tagliate a cubetti piccoli il peperone, aggiungetelo e fatelo cuocere, coperto a fiamma bassa, col resto per una decina di minuti.
Per ultimo versate il pomodoro e cuocete sempre a fiamma bassa, scoperto per un'ora e mezzo.

A fine cottura unite al sugo una cucchiaiata abbondante di panna.

Preparate gli strozzapreti facendo un impasto con farina, poco sale, uovo e acqua tiepida.
Lavoratelo finché sarà liscio e non troppo duro. Fatelo riposare sotto una ciotola per una decina di minuti poi stendete col mattarello una sfoglia non troppo sottile, senza aggiungere farina.
Tagliate delle striscioline della larghezza di poco più di mezzo cm.


Arrotolate ciascuna strisciolina sul tagliere e fate un nodo a una estremità del cordoncino. Spezzatelo e così fino a esaurire tutto l'impasto.
Mettete gli strozzapreti annodati su dei vassoi leggermente infarinati e cuoceteli in abbondante acqua salata per circa 5 minuti.
Conditeli con abbondate sugo. 

CONSIDERAZIONI 

E' molto importante lavorare veloci, partire da un impasto non troppo asciutto e non avere farina sul tagliere.
Se l'ambiente è troppo asciutto o caldo inumidite un panno e coprite la sfoglia.
Per velocizzare la procedura potrete anche formare prima diversi cordoncini e poi fare dopo tutti i nodi.
Un altro modo se le striscioline iniziano ad asciugarsi leggermente è di non arrotolarle sul tagliere ma tra le mani.
Questo formato è davvero particolare: l'impasto è leggermente diverso, più elastico e colorato grazie alla presenza dell'uovo. Una volta formati gli strozzapreti annodati sono meno delicati e si appiccicano più difficilmente ai vassoi.
Hanno bisogno di qualche minuto di cottura di più.

Ma parliamo del sugo: commovente!
Un tuffo nella mia infanzia, nei sapori ricchi, colorati ma che in realtà nascevano da geniali combinazioni di piccole dosi e avanzi.

CONSIDERAZIONI 2

Per chi fosse interessato ad altre info andate a questo BLOG Vaniglia Storie di Cucina.

2 commenti:

andreea manoliu ha detto...

Immagino un piatto molto gustoso, con salsiccia e peperoni. Hai fatto un bel lavoro ! Buon weekend !

rossella ha detto...

Grazie Luisa per il link e per avermi avvisata!
E' stato anche un ottimo modo per venire a conoscere il tuo blog!!!
(molto emozionante sì, il progetto di Maria Pia, mi sento così fortunata di averglielo potuto dire di persona e di aver potuto fotografare alcuni dei suoi e al contempo "vostri" (cioè delle vostre donne di casa) piatti della tradizione!!)
Ciao ciao a presto!

Rossella