Questo è uno spazio in cui raccoglierò una parte del mio mondo, quello dedicato alla mia passione per la cucina, in generale.
Sarà sempre in divenire perchè sono sempre alla ricerca della variante, del meglio... di altro.

Luisa

martedì 3 settembre 2013

Polpettine di coniglio pastellato

Questa ricetta proviene da un vecchio numero, dell'agosto 2001, della rivista La Cucina Italiana.

E' un po' laboriosa ma il risultato è unico e buonissimo.

INGREDIENTI
(4 persone)

PASTELLA
1 patata pelata (250g)
80g farina
50g burro
100g acqua
4 uova
rosmarino fresco tritato
1/2 bustina lievito in polvere
sale

POLPETTE
300g polpa di coniglio disossato
3 fette pancarrè ammollate nel latte
2 uova
prezzemolo fresco tritato
parmigiano grattugiato qb
sale, pepe
poca acqua fredda facoltativo)*

olio di semi di arachide per friggere

PROCEDIMENTO

Lessate la patata poi schiacciatela con la forchetta.

Portate a bollore l'acqua con il burro e un pizzico di sale.
Versatevi la farina tutta in una volta, mescolando finchè l'impasto si staccherà dalla casseruola con un leggero sfrigolio.
Mettetelo in una ampia ciotola e lasciatelo intiepidire leggermente prima di aggiungere le uova una alla volta. Mescolate con una spatola poi aggiungete il rosmarino tritato, il lievito e la patata.
Otterrete una pastella densa che lascerete riposare ed eventualmente allungherete con poca acqua fredda prima dell'uso.
Preparate le polpette tritando grossolanamente la polpa di coniglio e mescolandola con le uova, il prezzemolo tritato, un cucchiaio abbondante di parmigiano grattugiato, sale, pepe e il pane ben strizzato e sminuzzato..
Formate delle palline grosse come una noce e mettetele su un vassoi foderato di carta da forno. Mettete il vassoi con le polpette un'ora in freezer in modo che induriscano.

Tuffate le palline nella pastella aiutandovi con un cucchiaio, friggetele in olio ben caldo.
Servite subito.

CONSIDERAZIONI

Ottime davvero anche se io ho avuto qualche problema con la pastella: risultava troppo densa per aderire alle polpette.
L'ho così allungata con un po' di acqua fredda fino ad ottenere la giusta consistenza, pur mantenendola densa.

La polpa di coniglio non va frullata ma deve mantenersi in piccoli pezzetti, così come il pane ammollato e strizzato deve rimanere irregolare a micro pezzetti.

Il sapore è buonissimo e la combinazione di pastella e interno morbido e delicato sono davvero speciali.

9 commenti:

Ely ha detto...

Da quando l'ho avuto non mangio coniglio.. ma riconosco che tu sei un'artista della cucina! Come ti sono uscite belle.. e buone!! <3 :)

Luvi ha detto...

sono nata in campagna fra gli animali e ne ho tenuto in mano di ogni forma.... per me è una forma di rispetto non discriminare quelli da mangiare.... rispetto le posizioni di tutti, comunque.

Potresti provare a fare un altro tipo di polpette e provare la stessa pastella....:)

Memole ha detto...

Sfiziosissime!!!

Luvi ha detto...

:)

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Ma che bella idea per fare il coniglio. Da rifare!

Fabio

andreea manoliu ha detto...

Veramente deliziosi !!! :)

Chiara ha detto...

quale altro tipo di carne consiglieresti? Ho scoperto il tuo blog qualche mese fa e da allora è diventato per me un appuntamento abituale. Complimenti. Mi piacciono moltissimo i tuoi commenti alla ricetta preparata ed i consiglio. Sei veramente brava.
Grazie- Maria Chiara

Luvi ha detto...

agnello o forse coscio di tacchino o pollo ma che non sia petto....
:)

Marinora ha detto...

Signora mia che cose stuzzicanti che cucini!!! Fanno veramente gola! Bravissima e WonderLuvi più che mai!!!