Questo è uno spazio in cui raccoglierò una parte del mio mondo, quello dedicato alla mia passione per la cucina, in generale.
Sarà sempre in divenire perchè sono sempre alla ricerca della variante, del meglio... di altro.

Luisa

martedì 4 settembre 2012

Mousse di ricotta con salsa di prugne

Le prugne scure, piccole e allungate (quelle che sembrano impolverate) mi ricordano la mia infanzia a Faenza, quando aiutavo Sante, un mio prozio, a diradarle e poi a raccoglierle. Io non amo molto la frutta: ne mangio solo poca, di quella appena raccolta, dura ma dolce. Quest'anno ho scoperto, gironzolando sul piazzale di carico, un piccolo prugno in vaso. Tre rami carichissimi di queste prugne nere: probabilmente per il clima secco e caldo: tante piccole, dure e dolcissime.

Ne ho mangiate molte ma ho anche deciso di cercare e provare qualche ricetta, insolita, dove utilizzarle.

Questa è la prima: proviene dal numero di Settembre 2007 de La Cucina Italiana.
La dose originaria era per 8 persone: io l'ho dimezzata.

INGREDIENTI
(4 persone)

175 g prugne snocciolate (circa 5 piccole)
175 g panna fresca (75g + 100g)
125 g ricotta
75 g latte
75 g zucchero semolato (60g + 15g)
38 g riso (originario)
20 g zucchero a velo
15 g  burro
un pizzico di sale
un po' di semini di vaniglia o una bacca già svuotata

PROCEDIMENTO

Tagliate le prugne a spicchi e saltatele in un pentolino a fuoco, vivo con il burro e 60g di zucchero semolato, per 3 minuti.
Tenetene da parte 8 piccoli spicchi per il decoro e, una volta raffreddati, frullate gli altri, creando la salsina.

Lessate, per 10 minuti, il riso in un altro pentolino con 125g di acqua e il pizzico di sale.

Trascorso questo tempo, se rimane liquido scolatelo e continuate a cuocere il riso per altri 5 minuti con 15 g zucchero, 75g di latte, 125g di panna e la vaniglia.

A fine cottura togliete il baccello, il riso dovrà essere morbido e i liquidi assorbiti.

Versate il composto in una ciotola a raffreddare.

Nel frattempo mescolate la ricotta con lo zucchero a velo.
Montate i 100g di restante panna.

Aiutandovi con una spatola incorporate la ricotta dolce alla crema di riso ormai a temperatura ambiente.
Con delicatezza aggiungete anche a panna montata mescolando bene.
Versate il composto bianco, in 4 ciotole o bicchierini monoporzione, livellate la superficie e distribuite sulla superficie la salsina di prugne decorando con un paio di spicchi di prugne e qualche fogliolina di menta.

Se non consumate subito, sigillate la superficie con pellicola e mettete le ciotoline in frigorifero.

CONSIDERAZIONI

Davvero ottimo e veloce: la mousse alla ricotta e riso può essere utilizzata come base per tanti altri dolci a cucchiaio.
Potete cambiare il tipo di frutta per la salsina ricordandovi che per ciascuna frutta dovrete regolare lo zucchero.

Ho usato riso originario e la quantità di acqua per i primi 10 minuti di lessatura era scarsa: ho quindi aggiunto prima gli altri liquidi ma voi potrete anche mettere più acqua e poi scolarla dopo 10 minuti e proseguire come da ricetta sopra.


Vi consiglio di preparare subito le ciotoline con la mousse ma di aggiungere solo poco prima di servirle, la salsina e le decorazioni.

La consistenza, il sapore e le dosi della mousse sono perfette.
Non troppo uniforme grazie al riso lessato e i tre ingredienti "bianchi". La salsa di prugne fresche è profumatissima e dolce.

6 commenti:

Memole ha detto...

Golosissima!!!

Marinora ha detto...

A me le prugne piacciono moltissimo e questa e' una ricetta davvero molto originale!

stefaniamilani ha detto...

Ciao Luisa......allora, ieri ho preparato questa deliziosa mousse....naturalmente raddoppiando le dosi, dato che era per il ristorante.....delicata e diversa....è piaciuta anche al titolare che controlla e prova personalmente i dolci. Unica variante, per ragioni di praticità, la varietà del riso: in cucina non c'era l'originario, solo il carnaroli ed allora, ho usato questo.....dato che è molto più grosso e tiene la cottura, alla fine, l'ho passato al mixer...si sente l'anima del riso ma, la cosa, è piacevole....grazie

Luvi ha detto...

Grazie Stefania per la fiducia! In casa nostra esiste solo l'originario, io lo adoro perchè non sa di riso "normale" a secondo della cottura, standoci attenti, lo puoi usare per dolci, risotti o sushi..:)
Ora mi aspetto i commenti sul dolce di pesche...o quello con il frangipane... li provi per il ristorante?

stefaniamilani ha detto...

Sono ancora qui.....il prossimo dolce, sarà il frangipane.....domani vado a Roma, e torno giovedì....penso che lo proverò il fine settimana.......una cosa, per la mousse.....l'ho messa in bicchieri, leggermente allungati e stretti alla base.....ne ho ricavato otto.....la salsa alle prugne e quelle per il decoro, verranno aggiunte solo al momento del servizio......domani sera, senza di me, faranno la cena di fine estate tutti i dipendenti del Dai Dai......il locale di mio figlio.....voglio proprio sentire i commenti sui dolci......ciao, alla prossima....

Luvi ha detto...

Stefania, ottimo... hai fatto bene a dire di mettere solo alla fine la salsa così non rischia di essere in parte assorbita dalla mousse.