Questo è uno spazio in cui raccoglierò una parte del mio mondo, quello dedicato alla mia passione per la cucina, in generale.
Sarà sempre in divenire perchè sono sempre alla ricerca della variante, del meglio... di altro.

Luisa

sabato 22 novembre 2008

Ratatouille nicoise


ratatouille nicoise, inserito originariamente da fugzu.

Questa ricetta arriva dal Blog "Cucinare Lontano" di JMC. Trascrivo dal Blog:

INGREDIENTI
(8 persone)

1 grossa melanzana a dadi non troppo piccoli, sbucciata, per favore!
4 belle zucchine "dal fiore", di quelle chiare e a coste, a fette non troppo sottili
1 grosso peperone rosso a listerelle, privo naturalmente dei semi e dal "bianco" interno
1 grosso peperone verde idem (giallo verdastro)
4 pomodori medi, svuotati dai semi e a dadini
1 cipolla media a fettine sottili
3 spicchi di aglio sminuzzati
olive nere buone (circa 20)
1 rametto di timo secco
1 grattatina di noce moscata
olio evo
sale e pepe

PROCEDIMENTO

Fare "fondere" cipolla e aglio in tegame in olio evo.
Quando sono "fusi" (non rosolati), alzare il fuoco e buttare tutte le verdure a fuoco medio/alto (se non è abbastanza alto il fuoco le verdure cacciano subito acqua...).
Aggiungere il timo, le olive e la noce moscata, salare e pepare e fare cuocere il tutto per circa 10/15 minuti girando ogni tanto per evitare che attacchino.
Quando è cotta la ratatouille, levarla dal fuoco e prima di servirla (calda o fredda) aggiungere un filino di olio evo crudo per il sapore...
Si mangia calda o fredda.

CONSIDERAZIONI

Le dosi indicate nella ricetta originaria sono per 4 persone, per me si mangia in 8 comodamente.
Non avendo una pentola grandissima ho prima rosolato a fuoco vivo in una pentola alta poi sempre a fuco vivo sono passata a una padella.
Sempre per un problema di spazi e per mantenere sempre viva la fiamma, per non far fare acqua alle verdure, ho messo prima i peperoni a listarelle, poi le melanzane, sbucciate col pelapatate, a cubetti. Poi ho messo dopo qualche minuto le zucchine a rondelle sottili, i pomodori a cubetti senza semi e infine le olive e i condimenti.

Ho cotto sempre a fuco vivo senza coperchio e non l'ho messo neanche quando ho spento.
L'ho preparato con qualche ora di anticipo perchè secondo me questo è uno di quei piatti che sono più buoni se riscaldati o mangiati non caldi. Davvero buono e con una nota originale e che lo rende meno uniforme e pesante della versione italiana, di casa mia.

9 commenti:

Jean-Michel ha detto...

Grazie Luisa!
Sono contento che sia venuta bene...

:)))

Luvi ha detto...

ti dico solo che l'abbiamo quasi finita...:D

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Ma che bella ricetta! Da provare sicuramente!!! Buona serata Laura

Luvi ha detto...

:D

Milù ha detto...

Stasera mi sono dedicata alla tua cucina e più vedo le tue ricette e più mi piacerebbe conoscerti:D
Sei bravissima!!!
Ciaooo e buona domenica.

Serena ha detto...

Leggendo "nicoise" mi ero convinta che ci fosse anche del tonno...
l'aspetto è proprio invitante, e anche secondo me è più buona dopo qualche ora quando i sapori si sono "costruiti" insieme.
:)

Luvi ha detto...

:D MILU'per me sarebbe un piacere conoscerti, che aspetti scrivimi una mail a info@basenji.it, che ti mando il mio cell.

Luvi ha detto...

Serena, posso solo dirti che mio marito pur adorando i peperoni non li digerisce solitamente.. beh.. ieri sera ha mangiato una bella razione e stanotte non ha avuto problemi.. oggi a pranzo abbiamo "sterminato" l'ultimo avanzino non scaldato....buonoooo:D

Milù ha detto...

Grazie, lo farò sicuramente! Ciao