Questo è uno spazio in cui raccoglierò una parte del mio mondo, quello dedicato alla mia passione per la cucina, in generale.
Sarà sempre in divenire perchè sono sempre alla ricerca della variante, del meglio... di altro.

Luisa

domenica 20 aprile 2014

Cappellacci ai funghi, ricotta e pancetta


Questa pasta nasce per accontentare i gusti della mia famiglia allargata.

INGREDIENTI
(6 persone)

SFOGLIA
4 uova medie
400g farina 00

RIPIENO
500g ricotta di mucca
500g funghi misti surgelati
parmigiano grattugiato
1 spicchio aglio
1 fetta pancetta stagionata
sale, pepe qb
noce moscata
prezzemolo tritato
1 uovo intero

CONDIMENTO
panna fresca o burro, con timo

PROCEDIMENTO

Preparate il ripieno scongelando e scolando i fungho.
Saltateli velocemente in una padella ben calda con pochissimo olio o nulla.
Versateli su un tagliere e tritateli finemente a coltello con la panceta stagionata , l'aglio e il prezzemolo fresco.
In una ciotola mescolate con una forchetta, la ricotta con il parmigiano, l'uovo, il trito e gli altri condimenti.
Preparate la sfoglia, fatela riposare coperta per una decina di minuti poi tiratela con la macchinetta molto sottile.
Preparate una sfoglia alla volta, tagliate dei quadrati della dimensione di mezza larghezza di sfoglia e farciteli con un cucchiaino di ripieno. Chiudete ciascuno quadrato in diagonale a formare un triangolo, poi unite le estremità fino a fare il cappelletto gigante.
Mettete i cappellacci su vassoi di cartone leggermente infarinati.

Una volta che avrete fatto tutta la pasta procedete con la sbianchitura. Portate a bollore dell'acqua salata, mettete un po' di cappellacci alla volta dentro. Dopo un minuto scolateli con un ramaiolo e tuffateli in una ciotola con acqua fredda salata. Scolateli nuovamente e metteteli ad asciugare su un canovaccio.

Quando saranno completamente asciutti potrete metterli in un contenitore chiuso in frigorifero e mantenerli per tre gg oppure surgelarli senza aver problemi mai che si attacchino o si rompano.
Quando li vorrete mangiare cuoceteli in acqua salata, scolateli e conditeli con burro o panna fresca e un po' di timo fresco.

CONSIDERAZIONI

Ho ottenuto 90 cappellacci. La ricetta è nata anche dall'esigenza di fare qualche cosa di goloso ma facilmente trasportabile e cucinabile anche in un a cucina di fortuna, fuori casa. Idea e sapori davvero buoni.


2 commenti:

Marinora ha detto...

Golosissimi! Fanno venire una voglia! Sempre brava bravissima!

Luisa Ghetti ha detto...

:) grazie!